Blog: http://RinascitaNazionale.ilcannocchiale.it

EQUIPARARE I CADUTI PARTIGIANI CON QUELLI DELLA RSI? MAI!



Nel giorno in cui si decide di tumulare al Monumentale Giovanni Pesce, il partigiano Medaglia d'oro alla Resistenza morto il 27 luglio scorso, il sindaco di Milano, Letizia Moratti  lancia una proposta che sta già facendo discutere: seppellire e ricordare insieme tutti i morti della guerra, partigiani e repubblichini insieme, nel Sacrario di Sant'Ambrogio. 
La proposta ha visto esultare, nel vero senso della parola, i miei amici di An (memori del loro passato!?), e la giusta rabbia dei militanti dell'ANPI di cui io faccio parte. Per questo voglio riportare la relazione di Tino Casali, presidente dell'ANPI, le cui parole quoto e sottoscrivo in pieno. Leggiamole tutti quanti con attenzione (e dopo averle lette, commentiamole insieme, spero, con toni apprezzabili):

http://www.anpi.it/dichiarazioni/casali_180907.pdf

Dopo averle lette, penso che la proposta della Moratti oltre che provocatoria sia sbagliata in toto: sapete come la penso sulla Resistenza (il bene) e la RSI (il male); forse sarò  pure "troppo estremista", ma farò sempre differenza tra chi combatteva per la libertà e chi, sudditi di Hitiler, per negarla; chi ha sacrificato la propria vita per ridare all'Italia credibilità internazionale, libertà di pensiero e di parola, anche a coloro che non la pensavano allo stesso modo, uguaglianza e una democrazia al popolo italiano (tutto). Che rabbia pensare che ci siano in giro tanti "disadattati sociali italiani" che rinnegano i valori e gli ideali della Resistenza partigiana, sputando, nel vero senso della parola, sul piatto dove mangiano...

Pubblicato il 20/9/2007 alle 11.45 nella rubrica Resistenza Italiana.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web