Blog: http://RinascitaNazionale.ilcannocchiale.it

CONSUMATORI, CHIEDETE SEMPRE LA FATTURA E LO SCONTRINO



Fa ridere la destra illiberale quando grida: "basta con le tasse" e gli altri slogan simili, populisti e demagogici.
Proprio oggi Berlusconi ha affermato: "noi siamo comunque convinti che per combattere l'evasione fiscale si debba ridurre la pressione fiscale, avere delle aliquote giuste, affinche' i contribuenti siano onesti. Esattamente il contrario di cio' che vuole fare la sinistra che parla addirittura di voler controllare le spese dei cittadini oltre una certa cifra. Addirittura - osserva l'ex premier - qualcuno ha parlato di una cifra sopra i mille euro, e che porterebbe l'Italia ad essere uno stato di polizia fiscale e di polizia tributaria". Ovviamente poi, commentando gli ultimi dati sull'evasione fiscale precisa subito: "sono dati che non sono certi" (cosa vi aspettavate dal leader dei commercianti, degli artigiani e dei liberi professionisti?).  Quanti di voi si sono imbattuti in questi personaggi, che si, saranno bravi e belli come Silvio, ma lo scontrino o la fattura? Dove stanno? Perchè fanno sempre finta di dimenticarla/o? Il giochetto è semplice: quando siamo passati all'euro, il nostro Silvio si è ben dimenticato di mettere un organismo che mettesse un freno al lievitare dei prezzi o che almeno li controllasse o li supervisionasse. No, niente di tutto ciò. Il mondo dei commercianti, e via discorrendo, ha subito approfittato di tale situazione, facendo soldi a palate. Ma non è finita qua: dopo aver "raddoppiato" il prezzo praticamente di qualsiasi merce, si tengono molto alla lontana nel "dichiarare" i loro guadagni. E sapete come fanno? Non ti danno lo scontrino o la fattura fiscale. Cosi, loro evadono, noi pagheremo più tasse per colpa loro, e Berlusconi (leader di quella gente, o almeno la maggior parte di essi) grida che si pagano troppe tasse.
Ma io vi chiedo, gli chiedo e mi chiedo: vuoi scommettere che se tutti ti fanno lo scontrino o ti rilasciano la fattura qualche cosa cambia? Vuoi scommettere che si pagano meno tasse?

Da tutta questa faccenda, ovvero del non ricevere ne scontrino ne fattura, sapete chi ci guadagna e chi ci perde? Ci guadagnano i commercianti, e tutti quelli come loro, e chi ci perde lo stato italiano e di conseguenza tutti i cittadini italiani che dovranno pagare più tasse per far fronte alla disonestà e e all'evasione dei proprio concittadini. 
Ovviamente, non possiamo generalizzare il discorso: tanti sono veramente delle brave persone, ma io personalmente, ne conosco tante che con questa storia dichiarano poco e fanno la vita dei signori sulle spalle nostre.

Io do un consiglio a Berlusconi: vuoi farci pagare meno tasse? Comincia a dire alla tua gente di farci lo scontrino e le fatture. Perchè io, personalmente, da oggi, mi prendo il dovere civile di richiederlo sempre, anche per una spesa minima. E' ora che tutti i cittadini concorrano al bene dello stato. E' troppo facile dire che si pagano troppe tasse, quando c'è un evasione in Italia che supera i 270 miliardi di euro. E' uno scandalo, come ci ricorda anche Montezemolo, che soltanto lo 0,8% della popolazione italiana dichiari al Fisco più di 100 mila euro all'anno. Ma poi Berlusconi ci spiegasse, visto che parla tanto di tasse, perche quando stava lui al governo c'era sempre il problema dell'evasione fiscale: forse è stato frainteso anche questa volta? O forse gli andava bene lo stesso? Tanto, come è noto,  non si è fatto mai problemi dei conti dello stato: basta che inaugurava cantieri con Lunardi, che spendeva, e tanto i fondi non ci stavano.

E come dimenticare questo e questo?
 
Cittadini d'Italia, faccio un appello: richiedete sempre lo scontrino e la fattura:  togliamoci dalle spalle il peso di questa gente che evade. E i numeri, dicono che sono tantissimi. E' ora di fermare questo malcostume tutto italiano.
Facciamo piangere questi evasori, anche se c'è chi li difende. Sono intoccabili, ma almeno noi cittadini onesti, nel nostro piccolo, rendiamogli la vita più difficile
.

Pubblicato il 15/6/2007 alle 1.38 nella rubrica Economia.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web