Blog: http://RinascitaNazionale.ilcannocchiale.it

IL LEGHISTA CALDEROLI INDAGATO A LODI. INTANTO BERLUSCONI E' STATO FRAINTESO DI NUOVO



E' una politica malata
: ieri la questione D'Alema-Unipol, oggi quella Calderoli-Antonveneta.
I pm di Lodi indagano per appropriazione indebita il vice presidente del Senato Roberto Calderoli (Lega Nord), il senatore di Forza Italia Aldo Brancher, l’ex parlamentare dell’Udc Ivo Tarolli, il presidente del Palermo calcio Maurizio Zamparini, e altre 46 persone nell’ambito di uno stralcio di indagine sulla scalata alla banca Antonveneta. Gli indagati si sarebbero appropriati di somme di denaro grazie alla complicità di ex funzionari della vecchia Bpi con operazioni bancarie tra cui investimenti, disinvestimenti e fidi.  Da queste operazioni gli indagati avrebbero tratto die vantaggi mentre le perdite sarebbero state spalmate su clienti ignari della stessa banca. La Guardia di finanza ha effettuato una serie di acquisizioni di carte e documenti nella sede centrale della banca a Lodi. All’origine delle accuse contro Calderoli ci sarebbe un interrogatorio dell’ex numero uno di Bpi, Giampiero Fiorani. Calderoli avrebbe ricevuto denaro contante. Il portavoce di Calderoli, contattato dalla Reuters, ha detto di non essere a conoscenza della notizia.

Anche in questo caso, non possiamo pronunciarci, però voglio sottolineare il silenzio dei mass-media sul caso Calderoli-Brancher riguardo la suddetta questione.


Intanto Berlusconi è stato
frainteso di nuovo: andrà al Quirinale, ma non chiederà le elezioni anticipate. Ma che se ne andasse a Villa Certosa, tra vulcani e cactus, invece di continuare a "tirare la giacca" al presidente della repubblica italiana. Ormai è stanco: viene frainteso, in media, dieci volte al giorno,

Pubblicato il 12/6/2007 alle 21.21 nella rubrica Politica Interna.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web