Blog: http://RinascitaNazionale.ilcannocchiale.it

SILVIO, IL CATTOLICO



Non avevamo dubbi: il leader della Casa delle (sue) libertà è sceso in piazza per difendere la famiglia; ma perchè, c'è qualcuno che la vuole distruggere? A me sembra che ci siano soltanto delle persone (me compreso) che si battono per il riconoscimento dei diritti di tutti i cittadini italiani, senza fare nessun tipo di discriminazione.

Ma veniamo a SILVIO IL CATTOLICO:

Silvio il cattolico, quello divorziato e quindi scomunicato dalla Chiesa, è sceso in piazza per dire no anche al divorzio. O forse si è dimenticato che anche lui è divorziato (ovviamente discriminazioni sul fatto che sei divorziato le fa la Chiesa, non io);
Silvio il cattolico,  quello che vive nella povertà, tra ville, mausolei e cactus;
Silvio il cattolico, quello che non ha mai rubato le caramelle e i giocattoli agli altri bambini, ma che tra prescrizioni e condanne, tra Previti e compagnia bella,  forse tanto santo non è;
Silvio il cattolico, quello che "non pronuncia il nome del Signore tuo Dio invano", ma che afferma di essere unto dal Signore;
Silvio il cattolico, quello che non commette adulterio, anche se poi fa le riunioni politiche con cinque ragazzette diverse in Sardegna (ma lo sappiamo, sono giovani attiviste di ForzaItalia);
Silvio il cattolico, quello del non pronunciare falsa testimonianza contro il tuo prossimo (e ora chi glielo spiega ai magistrati?);
Silvio il cattolico,  quello che "non deve desiderare la casa del tuo prossimo... né alcuna delle cose che sono del tuo prossimo" (da Mediaset al Milan, dalle assicurazioni alle banche, dall'editoria agli occhiali da sole fino al cinema, e ora che vorrà comprare?)

Silvio il cattolico, quello che ieri era meglio che se ne stava a casa, perchè di cattolico ha poco o niente.

Pubblicato il 13/5/2007 alle 11.16 nella rubrica Satira.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web