Blog: http://RinascitaNazionale.ilcannocchiale.it

PAROLE DA CONDANNARE.

«Non riconosceremo mai il governo usurpatore sionista e continueremo nel nostro movimento jihadista finchè avremo liberato Gerusalemme».
Usa toni minacciosi il premier palestinese Ismail Haniyeh, davanti alle migliaia di persone riunite all´università di Teheran per la preghiera collettiva del venerdì. Parole dure verso Israele, quelle rivolte dal primo ministro del governo guidato da Hamas, parole che coronano la visita diplomatica in Iran nel corso della quale Haniyeh ha in programma incontri con la Guida suprema iraniana, ayatollah Ali Khamenei, e con il presidente Mahmud Ahmadinejad. Ed è proprio a lui, al governo che ha finanziato l´autorità palestinese con 120 milioni di euro, che Haniyeh sembra rivolgersi sancendo un´alleanza: «Credono che la nazione Palestinese sia sola in questa guerra, ma sono sotto allucinazione... Noi abbiamo uno zoccolo duro qui nella Repubblica islamica dell'Iran e in tutto il mondo islamico e arabo».

RinascitaNazionale condanna tali affermazioni.
Io, figlio della politica dell'equivicinanza, condanno queste parole offensive per il popolo israeliano.

2 POPOLI IN 2 STATI LIBERI PER LA PACE IN MEDIO-ORIENTE. 
Questa è la mia politica.

Quando bisogna riconoscere gli errori israeliani sono il primo a metterli in luce.
Lo stesso faccio quando a sbagliare sono i politici palestinesi.
Che serva da lezioni a chi difende solo e soltanto una parte.

Vogliamo la pace. Cerchiamo di costruirla insieme, senza alimentare l'odio e le polemiche.
Che ne pensate?

Pubblicato il 8/12/2006 alle 19.47 nella rubrica Politica Estera.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web