.
Annunci online

RinascitaNazionale
Blog della sinistra italiana, Patriottica e Partigiana (a cura di Claudio Barocci)
 
 
 
 
           
       




Google





SCAMBIO LINK (clicca qui)

NUOVO FORMAT: ARTICOLI UNICI































"LA REPUBBLICA ITALIANA E' FONDATA SUI VALORI DELLA RESISTENZA PARTIGIANA".

"L'AMOR PATRIO E' SEMPRE APPARTENUTO ALLA SINISTRA ITALIANA: DAL RISORGIMENTO ALLA RESISTENZA".


Una d'arme, di lingua, d'altare,
di memorie, di sangue e di cor.

(A. Manzoni, Marzo 1821)



Qui si fa l'Italia o si muore!












"GRAZIE EROI DELLA PATRIA"



 
15 febbraio 2009

M.I.N.C.H.I.A SIGNOR CLEMENTE

Questa volta non voglio parlarvi dei nuovi stupri avvenuti a Roma e Milano: ne ho trattato in questo post e le riflessioni rimangono le stesse. Piuttosto cerchiamo di far riprendere dal collasso tutti i miei amici del Giulivo, di Tocqueville e della destra fascio-forzista sull'alleanza politica, appena nata, tra il Popolo delle (sue) Libertà e l'Udeur di Mastella. Si, avete capito proprio bene: Clemente Mastella, ex sindaco di Ceppaloni, in forte amicizia con l'ex-presidente del consiglio comunale di Villabate e condannato per mafia Francesco Campanella (rapporti tanto stretti che Mastella fu testimone delle nozze del Campanella nel 2000), raggiunto nel febbraio 2007 da un avviso di garanzia da parte della Procura della Repubblica di Napoli (l'ipotesi formulata dagli inquirenti è quella di concorso in bancarotta fraudolenta per il fallimento del Napoli Calcio, dichiarato nel 2004 con sentenza del Tribunale di Napoli) ed attualmente ingaggiato (ma guarda un pò) dalla RAI come inviato per seguire le partite del Napoli nella trasmissione "Quelli che il calcio" e più volte ospite nella trasmissione di regime "Mattino Cinque", sarà candidato alle europee nella lista del Pdl. Non è tutto:  il sodalizio tra Pdl e Udeur verrà esteso anche alle elezioni amministrative in Campania, dove i due partiti presenteranno candidati comuni. Che Silvio Berlusconi abbia in qualche modo saldato il debito con chi, di fatto, ha provocato la caduta di Prodi? Rispodetevi da soli. Intanto, il sottoscritto rimane sempre della stessa opinione di alcuni mesi fa, quando scriveva questo post intitolato: "Clemente Mastella, una persona che non mi piace". La coerenza non è di tutti. Io, fortunatamente, sono coerente. Ora chissà se i fascio-forzisti saranno coerenti: rimembreranno le loro parole su Clemente Mastella?


21 gennaio 2008

TORNERA' BERLUSCONI?



Mastella ha deciso di uscire dall'Unione aprendo praticamente la crisi di governo.
Si tornerà alle elezioni? Berlusconi tornerà al governo? Gli italiani si meriterebbero il ritorno di Berlusconi? Non gli sono bastati gia 5 anni di berlusconismo? Vogliono veramente rischiare una recessione economica in stile Argentina? Sono successe troppe cose, in questi giorni, che secondo me, seguono una stessa linea guida. Ora però niente commenti a caldo. Scriverò domani. Intanto, per riflettere, vi lascio con alcune parole di Indro Montanelli:

"Quando gli italiani avranno fatto l’esperienza del Berlusconi politico, se ne allontaneranno: sarà come fare il vaccino, si creeranno gli anticorpi contro una tal politica". Aggiungo un discorso molto intelligente,  trovato qui"Ma il grande Indro si sbagliava, l’italiano ha una certa idiosincrasia nei confronti della politica e dei partiti (c’è a questo proposito un bel libro: Salvatore Lupo, Partito e antipartito, una storia politica della prima repubblica, Donzelli editore). E il pifferaio magico ha un’innata capacità di fiutare il vento e di blandire con parole carezzevoli il popolo dicendo ciò che il detto popolo vuole sentire (si chiama populismo e ha già dato prova nel mondo dei danni che può provocare ad un paese). Gli italiani non hanno fatto il vaccino, si sono, anche con l’aiuto di una televisione sempre più trash, drogati di questa politica, non vogliono pensare se non al proprio orticello se non al proprio interesse particolare (al punto da assentire alla scemenza secondo la quale trovare il modo di far pagare le tasse a tutti sia instaurare uno stato di "grande fratello fiscale", ma scusate la "finanza e i finanzieri" sono un’invenzione di Prodi o una necessità di un corretto stato democratico, ah, dimenticavo, in una delle feste dell’arma della finanza il cavaliere, allora presidente del consiglio, li invitava con fare scherzoso a starsene alla larga dalle sue imprese!). E allora gli italiani non si sono immunizzati nei confronti del pericolo populista, ma sono geneticamente mutati e divenuti berlusconiani a tal punto che rasentano il culto della personalità, e hanno dato prova di sè nella manifestazione di Roma e in quella parallela di Palermo. I numeri non li sapremo forse mai, ma in ogni caso il problema di un certo deficit di democrazia permane". Domani il mio post sulla crisi di governo.


16 gennaio 2008

CLEMENTE MASTELLA DA CEPPALONI


Alcuni mesi fa, avevo scritto un post sul nostro Clemente Mastella da Ceppaloni intitolato "una persona che non mi piace" (magari, per rinfrescarvi le idee, ve lo rileggete, apprezzando anche la mia coerenza). E' notizia di oggi che a Mastella siano stati contestati sette reati (concorso esterno in associazione per delinquere, due episodi di concorso in concussione e uno di tentata concussione, un concorso in abuso d'ufficio e due concorsi in falso) e che sia "partito" anche un provvedimento di custodia cautelare nei confronti di Sandra Lonardo, presidente del Consiglio regionale della Campania e moglie del ministro della Giustizia. Provvedimenti restrittivi anche per gli assessori regionali campani dell'Udeur Luigi Nocera all'ambiente, ed Andrea Abbamonte al personale; il sindaco di Benevento Fausto Pepe, ed i consiglieri regionali Fernando Errico, capogruppo dell'Udeur, e Nicola Ferraro. In totale i provvedimenti restrittivi, partiti tutti dalla procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, contro esponenti della giunta regionale campana, consiglieri regionali e amministratori dell'Udeur sarebbero 23. Ovviamente non sarò io a dire se siano colpevoli o meno: ci penserà come sempre la magistratura,  cardine assoluto del sistema democratico italiano. Però vorrei fare alcune riflessioni: ma non vi sembra strano che tutto il mondo politico esprima solidarietà al ministro dimissionario? Applausi da destra a sinistra, con un'unica eccezione, quella di Di Pietro, a cui non piacciono (e ha ragione) «le parole pronunciate» da Mastella «nei passaggi in cui parla di giustizia ad orologeria, di giudici che cercano di abbattere i loro nemici politici, o di magistrati che fanno ostaggi». E aggiunge: «Quando si pensano queste cose della magistratura italiana, diventa veramente difficile svolgere con equilibrio un ruolo delicato come quello del Guardasigilli». Mi ricordo di un Di Pietro che decise di dimettersi quando gli venne notificata da Brescia un'indagine nei suoi confronti (avviso di garanzia, ovviamente nessuna condanna). Perchè i signori Mastella, invece di criticare il lavoro della magistratura, non si comportano ugualmente? Andate, dimostrate la vostra innocenza. Perchè parlate di attacco personale? Dimostrateci il contrario, e in quel caso, avrete la mia solidarietà. Quando succedono queste cose "al classico poraccio italiano" va tutto bene. Toccano a voi, e non va bene. E questi applausi bipartisan mi fanno tanto pensare alla casta, quella casta politica, che difende sempre i propri interessi. Per non parlare poi del centrodestra, che ha approfittato del discorso di Mastella per ripetere la litania sullo strapotere della magistratura, con Silvio Berlusconi ed i suoi servitori, ovviamente, in prima linea.  Che la magistratura continui il suo lavoro. Se non hanno commesso quei reati, i signori Mastella non avranno nulla da temere. Mettere la mani avanti, attaccare gratuitamente e versare lacrime di coccodrillo non serve a niente. Anzi, mi fa solo pensare male. Buona fortuna coniugi Mastella.


22 ottobre 2007

UNA PERSONA CHE NON MI PIACE



E' Clemente Mastella da Ceppaloni, colui che incarna, nella sua persona, tutto ciò che in male è stata la Democrazia Cristiana, quella del trasformismo,  della poltrona a tutti i costi e della raccomandazione facile, fino ad arrivare al politico che ricatta con il suo 1% un'intera maggioranza.
La strada percorsa da Mastella si commenta da sola (utilizzerò la fonte di wikipedia, super-partes per eccellenza) :  eletto deputato, nelle fila della Democrazia Cristiana. Dopo un lungo trascorso politico nella Democrazia Cristiana, fonda nel 1994 il CCD di cui è presidente, condividendone la leadership con Pier Ferdinando Casini. Qui comincia la sua avventura con Silvio Berlusconi, diventando ("ma pensa te che robba") Ministro del Lavoro. Nel febbraio 1998 è protagonista di una scissione interna al CCD, raccogliendo l'appello dell'ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga di costituire una nuova formazione politica di centro, alternativa alle due coalizioni (e da qui comincia il sogno di Mastella di "ricostruire" la vecchia Dc, quella di De Mita e Forlani per intenderci). Mastella fonda così i CDR, Cristiano Democratici per la Repubblica, che si uniscono al CDU nella formazione di gruppi parlamentari unitari. Nel giugno successivo i CDR confluiscono con altre formazioni nel progetto politico dell'UDR, Unione Democratica per la Repubblica, di cui Mastella diventa segretario nazionale. Dopo la breve esperienza (la storia dell'UDR termina dopo appena un anno), nel 1999 fonda l'UDEUR, Unione Democratici per l'Europa, partito politico spiccatamente di centro. E stavolta, fiutando la vittoria di Prodi, cambia schieramento, concedendo il suo appoggio a caro prezzo: un pò come De Gregorio ha fatto pochi mesi fa, accettando di passare definitivamente con Berlusconi (per circa 500 mila Euro). Dicevo a caro prezzo, perchè ogni decreto o fatto politico che sia, è buono per far ricatti e minacciare la fine del governo Prodi.  Un esempio? Anche oggi l'Udeur fa sapere che si è svegliato con la "schiena scoperta": "Se si continua sulla cattiva strada e non ci sarà un chiarimento, verificheremo anche la possibilità di non votare il decreto sulla Finanziaria". L'Udeur punta i piedi. E, per bocca del capogruppo a Palazzo Madama, Tommaso Barbato, impegnato nella riunione della maggioranza sul dl, non nasconde la sua irritazione. "Mastella è molto arrabbiato per i comportamenti della maggioranza. O ci sarà un chiarimento con i vertici oppure vedremo" taglia corto il capogruppo. Che punta il dito sui "comportamenti dei partner della maggioranza. "C'è troppa ipocrisia se facciamo schifo, se siamo indigesti a qualcuno, noi ce ne andiamo". Un chiaro riferimento alla vicenda Catanzaro e alla polemiche con Di Pietro (lasciatemi dire che sto con Di Pietro in manera più che totale, ma ovviamente preferisco analizzare meglio l'intera faccenda).
La storia trasformista di Mastella è chiara; senza dimenticare che è stato eletto sindaco di Ceppaloni grazie a ForzaItalia e senza fare finta di niente riguardo i rapporti di amicizia con l'ex-presidente del consiglio comunale di Villabate e condannato per mafia Francesco Campanella. Rapporti tanto stretti che Mastella fu testimone delle nozze di Campanella. Alle stesse nozze fu testimone anche il presidente della Regione Sicilia Salvatore Cuffaro, indagato per concorso esterno in associazione mafiosa (tutta na pasta?! Staremo a vedere). E vogliamo parlare dell'assunzione alla Rai di Mastella, che sarebbe stata agevolata da una raccomandazione del potentissimo democristiano Ciriaco De Mita, tanto che ne seguirono ben 3 giorni di sciopero della redazione locale (fonte "La Casta" del giornalista Gian Antonio Stella)?

In conclusione, affermo che mi vergogno di essere alleato con un politico del genere ma cosa avrei potuto fare? Il sistema elettorale ci chiede di scegliere tra due schieramenti. Mi tappo il naso e scelgo il meno peggio (e badate bene: il meno peggio perchè c'è un premier onesto e serio come Prodi che a me piace e stimo moltissimo; meno peggio perchè dall'altra parte c'è il male assoluto caratterizzato da forzisti, fascisti e leghisti; meno peggio perchè almeno di quà, si parla ancora di valori della Resistenza Partigiana).

Aggiornamento:
mi dicono che è stato fondatore anche di Alleanza Popolare con Martinazzoli (un altro buco nell'acqua).




 

Ultime cose
Il mio profilo

IL MIO CREDO - I MIEI VALORI
Anpi
Resistenza Italiana
***
***
***
OFFICINA DEMOCRATICA
RinascitaNazionale
LouMogghe
EclissiDiSole
EmaeTizi
GianniGuelfi
CastenasoForever
Andryyy
LopinioneDiFabio
Erlkonig
ParteAttiva
Pistorius
Tilt64
PoliticaOggi
***
***
***
IO E LA POLITICA
Antonio Di Pietro
La Mia Lista Elettorale
Idv Lazio
Il Mio Municipio (XV°Roma)
***
***
LE MIE LETTURE
La Repubblica
Corriere della Sera
L'Unità
L'Espresso
Marco Travaglio
Viva Marco Travaglio
Lav
Corrado Guzzanti
Beppe Grillo
***
***
BLOG CONSIGLIATI
MaiDireVideo
LoScarabocchioComicomix
IlPopoloSovrano
Democonvinto
TerrorPilots
Tisbe
Daw
MarioAdinolfi
IlBlogDiLameduck
IoTocco
DariosBlog
TestamentoDiUnBuffone
LineaGoticaFight
M1979
RizzoCitizen
Psiche&Soma
IlRock
Trashopolis
Politbjuro
InRilievo
AlessioinAsia
LaPennaCheGraffia
IlRusso
Ciclofrenia
ValentinoPiglionica
TimoteoCarpita
BiancaBerardicurti
SonoLaico
QualcosaDiRiformista
Valigetta
GaetanoAmato
ErmannoLombardo
Santilli
StefanoMentana
GBestBlog
Alsom
Fradik
IlCogito
LuigiRossi
RossoAntico
ECarta
BadKlaus
DanieleSorelli
Triton
Zenigada
PennaRossa
NuovaLibertalia
IdeaTeatro
Costantinopolis
TgWeb
MatteoMacchia
PerSbaglio
Collettivo-Carrara
IlMale
Illaicista
WatchDogs
Slasch16
FestadAprile
GDFollonica
PausaCafè
DjSeven
LazzaroBlu
Rojarosevt
FreeVoice
StefanoSoro
nnhocapito
Blues-Vince
WinstonSmith
Notes-Bloc
Zadig
Comunicando
Eye
AndreadiDue
ChiTifaItaliaVotaNO
Image
CampidoglioPulito
LiberolAnima
Sciacc
Minima_Moralia
Candalu
Myrrdin
NicoBlog
ManuBlog
Venere
***
***
***
I MIEI ARTICOLI/POST MIGLIORI
Il primo post
Il candidato municipale (io)
Campioni del mondo
Per una notte capo-ultrà
Taxi? No, grazie
GenerazioneU
Quando ho sbugiardato Fini
Il primo girotondo fascista
Gli auguri a Berlusconi? Mai
La prima finanziaria di Prodi
La sindrome dei comunisti
Lista Civica Roma per Veltroni
OfficinaDemocratica
Worldwide press freedom
L'Eredità di Berlusconi
Manifestazioni poco riuscite
Gli italiani? Superficiali
Il malore di Berlusconi
L'Adunata fascista-forzista
Il ritorno dei pecoroni
L'Italia che sarà, grazie Prodi
Contro i commercianti
Eccoli, i fascisti
Diliberto VS Berlusconi
Sulle dimissioni di Prodi
Il male minore
La fiducia a Prodi
I miei amici fascisti-forzisti
La differenza tra noi e loro
Er pecora
Chi evade le tasse
Contro il fascismo e il neofascismo
Qualcosa cambia
La quiete dopo la tempesta
La guerra ed il lavoro
IL 25 aprile
Il conflitto d'interessi
Sulla vittoria di Sarkozy
Antifascista
Successo per RinascitaNazionale
Coraggio laico
Silvio, il cattolico
Coerenza e Berlusconi
IL 2 giugno in Italia
Bush a Roma
Fate piangere gli evasori
L'uomo nuovo
La violenza squadrista
Berluscagate
Lo scontrino fiscale
La nave ed il timone
Eccoli, gli evasori fiscali
L'arte del chiagni e fotti
Contro i rigurgiti di fascismo
Io, come Giorgio Bocca
Gli stranieri e lo scontrino fiscale
Berlusconi e la libertà
Io non posso entrare
Lettera a Bossi
L'incoerenza di Fini
V-day: io c'ero
Italia, paese dei furbi
Un prodiano convinto
La seconda Finanziaria di Prodi
L'informazione in Italia
Per non dimenticare
Se non li conoscete
Tra pecorones e democratici
Boia chi molla?
IL Vaticano veste Prada
La rinascita di Kilombo
Ciao, Enzo Biagi



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     gennaio        marzo